Il gusto della pizza… in versi!

Lungomare di Napoli in festa e sulla pizza della Regina (la margherita) dal “fiordilatte orchidea” (marchio familiare sponsor della manifestazione)… il profumo dei versi!

 

La pizza sopraffina

 

Da tempo canto una musa
dal cognome diffuso
piuttosto famoso…
specie per le pizze,
ma lei è di tutt’altro ramo,
buono per il forno a legna
ed allor anche la pizza,
al pari della musa,
diventa una prelibatezza
tutta da gustare.

 

 

L’atleta dei due mari

 

Dalla città delle cozze
alla patria della pizza,
caro nipote,
sei un bel piatto misto
non certo da mangiare
ma con tanti bei sogni
finalmente da realizzare.
Tuo padre nuotò
con alterna fortuna
ma tu che hai nel sangue
un po’ dei due mari
qualcosa alla fine
mi farai sognare.
Basterà far ricorso
ai geni di tuo nonno
che, con tanta volontà,
da sempre se la combatte
davvero in ogni campo.
Solo così
un alloro olimpico
sarà alla tua portata
sperando che non diventi
la solita frittata.
Intanto la venuta
di tuo fratello mi ispirò
scritture di morale
mentre tu, tra cozze,
frittate e pizze,
mi stimoli soltanto
la solita fame di… conquiste
di corone, allori e medaglie.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Satira bianconera, tricolore e variopinta

-Il Real canta quando Cristiano le suona e Gigi le prende!

 

-La Juve tra vittorie e vincite:dopo un filare di scudetti e una filiera di coppe, invece del triplete vince una quaterna!

 

-Le esagerazioni del calcio e di Buffon: dal pallone d’oro a 4 palloni (Real Madrid)!

 

-I record di Gigi Buffon: 973 minuti di imbattibilità in serie A, in meno di 30 minuti ne prende 4 in Champions League (Bayer Monaco)!

 

-Con 8 milioni all’anno di stipendio c’è da stare Allegri!

 

-Il mondo nel pallone: Zamparini (Palermo) vende Dybala e Belotti, ripiega su Gilardino e per le sconfitte se la prende con Iachini.

 

-Per la coppia Cassano Balotelli meglio la Costacrociera che la Costarica.

 

-Da Del Piero e Totti (classe cristallina) a Zaza e Pellè (classe operaia) la sconfitta è… di rigore!

 

-Mondiali di calcio 2014: l’Italia calcistica ai piedi di un pollo… la cresta gallo di Balotelli!

 

-I nostri politici sanno solo litigare e non trovano l’accordo neanche sul modo di votarli.

 

-Votazioni in Europa: Anghela vola, Grillo arranca, Macron sbanca e Teresa sbanda.

 

-Politica all’italiana: il bunga di Silvio, la banca di Boschi e il babbo di Renzi! E una volta c’era il figliuol trota…

 

-Il meglio della politica nostrana: Vendola, l’alfiere del matrimonio gay; Salvini, il guardiano della padania; Grillo, il portavoce del vaffanculo.

 

-Il meglio dei nostri giorni: Isis, Ultras, Grillo, Salvini e la Meloni.

 

-Le alleanze di Berlusconi: dalle stelle (patto del Nazareno) alle stalle (patto con Salvini).

 

-Renzi e le sue donne: la Boschi te la gusti, la Moretti te la bevi e la Bindi… te la scordi!

 

-Spot elettorale: s’ode a destra una squillo… vota Silvio, di contro risponde uno strillo… vota Grillo!

 

-La politica non è la cosa pubblica ma una cosa comica, a parte Grillo.

 

-Freddura sul fumo: se non ti togli il vizio dalla testa, il vizio ti toglie dalla terra.

 

-Satira ambulatoriale: dottò datemi qualcosa perché mi sento a terra. Ti darò un cura e oggi stesso sarai in paradiso!

 

-Umorismo matrimoniale: vezzi tra coniugi… amore…tesoro; screzi tra marito e moglie…uè…oh (monosillabi tra muti)!

 

-Le comiche della medicina: dottò mia madre ha paura della morte. Non ti preoccupare è la morte che ha paura di tua madre!
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La chioma dei sensi

L’albero della conoscenza
è la chioma dei sensi che,
per tronchi e rami,
rinverdisce il fogliame,
sviluppa la corteccia
e ravviva la mente
dalla materia grigia…
nasci tra vista e udito,
indi senti l’olfatto,
ma hai già gusto e tatto.
Con sensazioni e percezioni
incomincia il pensiero,
primi passi della mente
che appena elabora
ti regala l’idea
per formulare l’ideale.
E dai sensi dal vivo,
lungo vaghe impressioni
e vere informazioni,
diventi pure tu
un albero della vita
con radici esterne
che collegano la tua testa
con il mondo che ti gira intorno.
Conseguono le conoscenze
da cui sviluppi la memoria,
acquisisci la cultura e,
se ben capisci le cose,
hai pure l’intelligenza
per delineare la scienza,
che illuminata è sapienza
e sublimata ti dona l’arte.
Siam così tra le alte sfere
della pura ispirazione
a stretto contatto con la verità
mentre a noi comuni mortali,
senza il privilegio di tali fortune,
resta invece il presidio della fede,
cieca fiducia nella verità.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il bello degli anni

Improvvisare versi
non è poi così banale
se a compiere gli anni
è la tua donna ideale.
E’ un amore puro
senza assillo carnale
talmente etereo
che ci sembra di volare,
ma poi il peso degli anni
ci ributta per terra e,
dopo tanto amore,
si scatena la passione.
Or tra baci e abbracci
nasce il solito impiccio
se lo spirito soggiace
alla materia che piace,
e passeranno pure gli anni,
resterà soltanto un sogno,
ma io ancora tanto ti agogno…
buon compleanno.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Dal mito della caverna alla scala dei fantasmi (la strada della conoscenza)

Nel buio della materia grigia (sistema nervoso), all’interno della caverna di Platone, la mente ha le sue prime esperienze (1-sensazioni/ombre sulla parete, 2-percezioni/statuette sul muretto) e, libera dalle catene, alla luce del sole (sistema spirituale/anima), dopo le 3-riflessioni (immagini riflesse) e le 4-valutazioni (del vero dal falso) della natura dal vivo, alimentata dal Sole (il motore della vita), imbocca la strada della conoscenza e perviene alla Verità lungo la scala dei fantasmi con relativo gradiente di luminosità:

 

Il corpo è il fantasma della materia (Il grigiore del cogito, esistenza passiva)
Lo spirito è il fantasma del corpo (Lo splendore della ragione)
L’anima è il fantasma dello spirito (Il bagliore dell’intelletto)
La luce è il fantasma dell’anima (Il fulgore della sapienza)
La verità è il fantasma della luce (L’immacolato candore della contemplazione)

 

Naturalmente le esperienze, grazie al relativo corrispettivo anatomico, ci relazionano e ci fanno “sentire” il mondo dal di fuori (sensazioni) e dal di dentro (sentimenti):

 

1-sensazioni (impressioni/talamo)
2-percezioni (informazioni/corteccia cerebrale)
3-riflessioni (vero-falso/sistema nervoso)
4-valutazioni (bene-male/sistema spirituale)
5-sentimenti (i sensi dell’anima) con relative emozioni (tremori, bollori, umori) tra gioie e dolori.

 

A-sentimenti in empatia:

 

-pietà/compassione passiva
-carità/compassione attiva
-bontà=pietà+carità
-divina misericordia=bontà+perdono

 

B-sentimenti in antipatia:

 

-gelosia (senso di inferiorità)
-invidia (gelosia radicata)
-risentimento
-rancore
-odio

 

C-sentimenti in simpatia

 

-affetto
-passione (pressione spirituale)
-amore

 

E, sempre in tema di conoscenza con relativo corrispettivo anatomico, ecco l’evoluzione della vita:

 

-la vita in fiore: lo stelo (il midollo), la gemma (il bulbo), il bocciolo (il sistema limbico), il fiore (la corteccia) e il profumo (il sistema spirituale).

 

-la vita in movimento: cominciò a strisciare (midollo), a camminare (cervelletto), ad annusare (sistema limbico), a pensare (corteccia) e ad amare (sistema spirituale).

 

-la scala della vita

 

1-vita vegetativa solare (fotosintesi clorofilliana)
2-vita animata istintiva (arco riflesso midollare)
3-vita animale emotiva (sistema limbico)
4-vita cosciente riflessiva (corteccia cerebrale)
5-vita illuminata intellettiva (corteccia associativa)

 

Tra Dio (Allah), Uno e Trino (Mente/Padre, Amore/Figlio e Coscienza/Spirito Santo), e l’uomo (a immagine e somiglianza) nella sua certa identità (mente, amore e coscienza/cellula spirituale) c’è da scalare la luce della conoscenza (grigiore/cogito, splendore/ragione, bagliore/intelletto, fulgore/sapienza e candore/contemplazione). E, proprio in virtù di tanto, la mente si illumina e perviene alla Verità dal buio della caverna di Platone, pioniere dell’anima e della vita eterna… amo e sempre sarò! E l’amore è l’essenza dell’anima… anche per il profumo!

 

La veste dell’anima

 

L’amore è il fiore
all’occhiello dell’anima
e la coscienza è lo specchio
in cui essa, compiacendosi,
si ammira nel suo candido
splendore che illumina
la mente di immense certezze
con sogni all’infinito,
laddove è sempre Sole che,
al pari della Terra
con semine e fioriture
esposte alle intemperie,
fa germogliare l’anima
con gioie e tanti più dolori,
cingendola però di alloro
con abito alare di luce
sempre più intensa che,
al calar del tempo,
difilato la condurrà
nel fascino sconfinato
dell’immortalità che è
amore, anima e vita,
veste indissolubile
della luce divina.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail