La luce della conoscenza (tra fede e ragione)

L’evoluzione umana (cervello) è in funzione della cultura e del comportamento (Paul Mac Lean) ma il buio dei tempi correnti (Isis, Kim Jong Un e…Trump!) sta causando l’involuzione del cervello e la materia grigia (sistema nervoso), invece di illuminarsi (sistema spirituale), si sta annacquando!

 

Sulla strada della corretta conoscenza bisogna avere pure tanta fede e così, dando a “Cesare quel che è di Cesare” (cogito e ragione) e a “Dio quello che è di Dio” (intelletto e sapienza), la scala della conoscenza, tra fede e ragione, è semplicemente questa:

 

-cogito cartesiano, luce del pensiero, 1° grado della conoscenza

 

-ragione, luce del sistema nervoso, 2° grado della conoscenza

 

-intelletto, ragione alla luce della fede, 3° grado della conoscenza

 

-sapienza, intelletto alla luce dello spirito illuminato, 4° grado della conoscenza

 

-contemplazione, visione estatica della Verità, 5° ed ultimo grado della conoscenza

 

Naturalmente ciò che ci lega al mondo della Luce, grazie sempre alla divina misericordia (pietà+perdono), è la nostra coscienza morale, autentico cordone spirituale da figli di Dio (ben più solido di quello ombelicale materno), che dobbiamo aver cura di non recidere per non correre il rischio di restare definitivamente a terra e alimentare così il fossile della crosta terrestre fino al petrolio:

 

Guai a voi anime prave!
Non isperate mai veder lo cielo…

 

Sempre in tema di conoscenza, in ambito filosofico la fenomenologia dello spirito di Hegel si ferma alla ragione (tutto ciò che è reale è razionale, tutto ciò che è razionale è reale!), mentre noi napoletani, maestri di commedie e sceneggiate, saggiamente diciamo “ ‘a ragione s’a piglian e fess”… la ragione se la prendono gli stupidi! Da persone intelligenti, infatti, siamo gente di gran fede con tanto intelletto (dono spirituale) anche se con due gravi pecche: la prima è l’astuzia per fregare gli altri (mitica rappresentazione di Totò!) e la seconda è quella di prendere a bestemmie santi, madonne, Padreterno incluso, proprio per la grande confidenzialità!
Ora la puntualizzazione su Hegel me la sono permessa per dar finalmente pace a Schopenhauer, il filosofo degli aforismi, quotidianamente umiliato da Hegel che catalizzava l’attenzione di tutti gli allievi nella stessa università mentre a lui restava la compagnia del cane!

 

A Schopenhauer, in verità, mi accomuna l’insuccesso con i libri, lui li portò al macero mentre i miei (regalati!) me li cestinano e mia moglie (professoressa di lettere), caro Socrate altro che Santippe (tu almeno avevi la tresca!), fa ancor peggio alimentando il fuoco del camino!
Caro Schopenauer, che triste destino tra libri e donne, ma tu avevi almeno la compagnia di un cane mentre io vivo da solo come un cane e mi resta solo l’idea del bello (in veste di musa) che talora esita in versi. Ed è proprio la poesia quello che mi riesce meglio con le donne… altre relazioni sono troppo complicate e mi ci perdo!
Proprio per questo, scherzi a parte, mi sono dato alla filosofia e, nel passare dalla “fenomenologia dello spirito” alla “password della vita”, a furia di pensare mi è venuto finanche l’intero percorso della mente umana.

 

LA MENTE UMANA

 

neurone (sistema nervoso)-pensiero (sinapsi)-Verità (sistema spirituale)

 

LA MENTE umana (chiave poetica)

 

-E’ il cielo stellato della conoscenza dove luccicano i pensieri della ragione, brillano le idee dell’intelletto e illuminano gli ideali della sapienza!

 

LA MENTE umana (chiave fantastica)

 

-E’ il giardino della conoscenza con la pianta della ragione, l’albero dell’intelletto e la quercia della sapienza.

 

LA MENTE umana (chiave scientifico-filosofica)

 

-E’ il percorso dell’umana conoscenza (neurone-pensiero-verità) contrassegnato da cinque gradi: cogito, ragione, intelletto, sapienza e contemplazione.

 

IL PERCORSO DELLA MENTE UMANA DAL BUIO DELLA MATERIA (cellula epatica) ALLA LUCE DELL’ANIMA (cellula spirituale)

 

1-Livello inferiore (vita animata istintiva/archipallio)

 

Fegato (centrale metabolica)
Sistema nervoso autonomo (simpatico, parasimpatico, enterico)
Ipotalamo (barriera psicosomatica)

 

2-Livello intermedio (vita animale emotiva/paleopallio)

 

Sistema somatico (corpo)
Ipotalamo (centralina psicosomatica)
Sistema nervoso (sistema limbico)

 

3-Livello superiore (vita cosciente riflessiva/neopallio)

 

Sistema nervoso (corteccia cerebrale)
Pensiero-sinapsi (scala della conoscenza)
Sistema spirituale (corteccia illuminata)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il percorso della mente umana, dal buio della materia (cellula epatica) alla luce dell’anima (cellula spirituale)

1 – Livello inferiore (vita animata istintiva/archipallio)

 
Fegato (centrale metabolica)
Sistema nervoso autonomo (simpatico, parasimpatico, enterico)
Ipotalamo (barriera psicosomatica)

 
2 – Livello intermedio (vita animale emotiva/paleopallio)

 
Sistema somatico (corpo)
Ipotalamo (centralina psicosomatica)
Sistema nervoso (sistema limbico)

 
3 – Livello superiore (vita cosciente riflessiva/neopallio)

 
Sistema nervoso (corteccia cerebrale)
Pensiero – sinapsi (scala della conoscenza)
Sistema spirituale (corteccia illuminata)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Dal buio alla luce (Striptease dell’anima)

Se denudi l’anima (solare striptease!) non deludi la vita…

 

Dal buio alla luce

 

Ben 5 miliardi di anni fa o 50 milioni di secoli addietro che fan 5 milioni di millenni, con lo scoppio del big bang, nebulosa vagante nel vuoto abissale, suonò il gong temporale e venne alla luce l’universo spaziale nel suo ristretto ambito materiale. Tra neutroni e protoni con moto di elettroni era tutto un caos donde esitò il cosmo con l’ordine astrale del sistema solare.
Fu l’elementare idrogeno, nobilitandosi in elio, a dar fuoco al sole mentre insieme all’ossigeno scatenava l’acqua per raffreddar la terra nel suo nucleo incandescente.
Sull’acqua bollente di questa piastra rovente si calarono, poi, in cottura molecole gassose e carboniose, e dal brodo primordiale, vera miscela minerale, si approntò la vita vegetale.
Solo l’elio, l’argo e il neon, gas nobili, si sollevarono da terra e presero le vie del cielo, mentre l’idrogeno, invero il più leggero, si combinò con tutti e davver ne fece tante.
Acqua santa a parte, con l’azoto generò l’ammoniaca, gas di odor pungente, con lo zolfo l’acido solfidrico, un gas dal fetor penetrante e con il carbonio il metano, un gas asfissiante tanto energizzante.
Sulla terrena piastra, non più rovente, infine, l’acqua bollente divenne termale, poi naturale e finanche minerale con le sue tante bollicine, e fu da qui che, a fuoco lento sulla fiammella solare, veniva alla luce la vita vegetale, ponendo le basi dell’animazione con l’ossigeno per la respirazione e l’ozono per la protezione.
Nacque così la vita sulla terra da un freddo processo chimico di ossidoriduzione per moto di elettroni con sintesi di glucosio, poi piruvato indi decarbossilato donde l’acetil substrato infin fosforilato fino all’adenosin trifosfato (ATP), centrale energetica della vita scaturita da una base azotata e uno zucchero pentato, quel ribosio nucleico finanche respirato.
Ed era così che l’inerte materia prima si organizzava in veste cellulare, poi si duplicava (mitosi) indi si riproduceva (meiosi), infin si autoregolava con i glucidi energia corrente e moneta contante per la respirazione, con i lipidi olio lubrificante per la permeazione e grasso della materia pesante, e alfin, con i protidi, illuminata matrice pensante dall’alto del DNA per l’informazione e dell’RNA per la riproduzione.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La scala degli umori

LA SCALA DELL’UMORE

(disturbo bipolare o spirituale)

VERSANTE POSITIVO

(+1 allegria, +2 gioia, +3 buonumore, +4 ironia, +5 euforia, +6 mania, +7 delirio di grandezza)

SERENITA’

(gradiente giusto dell’umore)

VERSANTE NEGATIVO

(-1 tristezza, -2 astenia, -3 apatia, -4 melanconia, -5 angoscia, -6 depressione, -7 delirio di persecuzione)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La scala della verità

La scala della verità

(di porta in porta, non quelle di Vespa, si scala la verità!)

1- L’intestino è la porta del fegato

2- Il fegato è la porta del cervello

3- Il cervello è la porta della conoscenza

4- La conoscenza è la porta dell’anima

5- L’anima è la porta della verità

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail