La modella del bello (Striptease dell’anima)

Eterea mia modella,
sol vivido pensier,
nella tua veste di bello
di Te perduto cervello,
un dì sarò il tuo artista.
Non so scolpirti il corpo
da inetto materialista
e non sarai una Venere di Milo,
non so dipingere il tuo volto
e neppur sarai Monna Lisa.
Ma con il pudor del moralista
so ben tratteggiarti l'anima
che in viso ti traspare
con il suo seducente sorriso
e la sua limpida bellezza
in Te è piacente dolcezza.
E' questa l'impronta del bello
che da sempre riflette la luce,
fa tanto sospirare l'amore
e ispira in versi la voce.
Infin quel fatal dì,
con mente e coscienza d'intesa,
illuminando il pensier
e spiritualizzando la materia,
la sua vision regalerà a tutti...
finalmente la pace.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Voglia di poesia

Non siam portati
per fare i segreti amanti,
il senso di colpa
si leggerebbe sul viso
ma non privarmi pure
del tuo dolce sorriso
perché in sua mancanza
non scriverei più.
Mi bastano, pertanto,
questi momenti d'amore
tra versi rimati
e rime baciate
ben lungi, però,
da lascive tenerezze
se di baci in carezze
non si finisce più
ed io, tra musa e poesia,
non ci capisco più.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

‘NU VULUNTARIO ‘E MARE (di Gennaro Cuomo)

‘Ncopp’a nave ‘e sàrvataggio,
tra ‘e cungègn’’e ancoraggio
ce stà ‘ll’ammore ‘e ‘o curaggio.
 
‘Nu vuluntario, c’’o frìddo dint’’o core,
vede‘nu barcone caric’‘e clandestine
che cumbattene contr’‘o destino.
 
Facimme ampressa: Accuoste ‘a buordo,
cala ‘e scialuppe, lancia ‘e salvagente
pe’ putè salvà tanta ggente.
 
‘A voce ‘e ll’aneme ‘nnucente
arriva forte ‘e chiagnulente:
Elpmì, Elpmì,‘e isso nun riesce ‘a capì.
 
Cu’ curaggio, cerca ‘e dà calore:
Viene ‘a ccà, abbracciate ‘a papà
che pure Allah te vulesse aiutà.
 
‘E criature  nun ce ‘a fanno ‘a riciatà,
cerchene ‘e ‘mmàne d’a carità
‘e continuene alluccà: Elpmì, Elpmì.
 
E’ ‘nu spettaculo brutto assai:
Quanno s’arriva, stremate, ‘ncopp’o puorto,
cu’ ‘e lacreme se scopre pure ‘o muorto.
 
‘O cumandante l’abbraccia ‘e ‘o ringrazia:
Nun chiagnere; sulo Dio ce po’ aiutà,
pe’ mustrà ‘o cuncetto d’’a solidarietà
 
Tu sì  guaglione ‘e c’’o tiempo
capisci che manc’’a vuluntà
pe’ cumbattere ‘a puvertà.
 
E’ ‘na battaglia che nun se vò fermà:
A ggente, pe’ cazzimme ‘o pe’ ‘nfamità,
aspetta sulo ‘o gesto ‘e ‘ll’autorità.
 
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La poesia dell’anima

Mia donna ideale,
mi risvegli la mente
dal letargo invernale
e così, appena t'intravedo,
è già primavera
in un'armonia di colori
con la brezza della tua aura
a regalarmi poesie.
Proprio in virtù di tanto
da tempo t'inseguo
seppur ancor oggi mi sfuggi
ma, dal mio lucido piano,
stai certa, non rifuggi.
Ti confido allor che,
lungi da contatti e passioni carnali,
per me ormai solo fatti banali,
in te cerco l'assenso
per edificar poesie
su scala commerciale,
che diano il giusto indirizzo
ai giovani d'oggi alla mercé
di suoni, video e messaggi
con il supporto di presidi elettronici
senza più il rapporto della mente
per poter ragionare
e la voce dell'anima in poesia
per veramente amare.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il sogno d’amore

Cercando la donna
mi sorrise una musa
e l'atto d'amor
divenne così un abuso.
D'allor mi si è scatenato
pure un complesso
se la mente di giorno si bea
di un seducente pensiero che,
nel buio della notte
ed in pieno amplesso,
prende le sembianze
di un sedicente fantasma
in veste di candida luce.
Da qui mi residuano
questi soliti versi che
accomunano, ahimè,
la donna con la poesia
e l'atto d'amor diventa così
un luminescente sogno
nonché evanescente desio.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail