Simposio di epatologia

L'epatologia virale e metabolica (NAFLD e NASH), un tempo si eccedeva con il termine di epatopatia, rappresenta una giovane disciplina, dal momento che la scoperta dell'antigene australia risale al 1970, mentre quella del virus C al 1989. Quest'ultimo agente infettivo, di certo, è il virus più sfortunato della storia se circa 30 anni fa non era conosciuto (non A e non B) e adesso, invece, appena lo si intravede ha le ore contate!
Con questa premessa anche io mi considero un pioniere dell'epatologia per aver curato negli anni '60, ancora studente di medicina, la cirrosi criptogenetica di mia madre che maturò, tra ematemesi, ascite e una splenectomia ex adiuvantibus, una encefalopatia di lunga durata. In virtù di tanto l'esperienza, talora, conta più degli studi e, pertanto, il compianto professor Coltorti appena m'intravedeva se la dava a gambe levate per non esser torturato sulla terapia epatologica a partire dall'associazione di lattulosio e paromomicina (strabiliante azione catartica) che io facevo e la scienza vietava.
Passando a mio padre, commerciante di maglie ed esperto epatologo (per la malattia della moglie), da solo si fece diagnosi di ascite e, nel giro di 6 mesi, dipartì dopo una imponente ematemesi. Dopo tanta epatologia o meglio patologia epatica (la catarsi del dolore sublima la vita!), a me, nel lontano 1986, vennero le “follie epatiche” in versi e, di recente, mi ha ispirato la musa epatologa!
 
Da “Follie epatiche
 
Di voi protettori epatici è meglio non parlare ché, in caso di battaglia,
il vostro posto so. Passivi e da lontano, miei cari vil codardi, se mai il sisma fosse, le spalle voi dareste ai pochi sopravvissuti dello scempio letal. Per l’incombente sisma proprio sulla mia persona, con voi fieri banditi di glissoniana banda, arrivo a certi patti: se rimarrete inermi nei vostri legal confini, non più “amorevolezze”,
giammai ingurgiterò...
 
La musa epatologa
 
Se avverti astenia
con stipsi e dispepsia,
a parte l'ipocondria,
hai certo un'epatopatia
e necessita un'ecografia.
Vedo un fegato brillante
di qualità scadente,
presenta steatosi,
retaggio degli obesi e
condanna dei golosi,
e con un parenchima grasso
ti conviene andare a spasso
per scongiurare la fibrosi
che, ahimè, genera la cirrosi.
Nasce da uno screzio di proteine
e, tra endotelina e angiotensina,
ci si mettono le citochine
che stimolano le stellate
a produrre la prolina
con deposito di collagene.
Si chiudono le finestre vasali,
aumentano le resistenze portali
ma senza più spazi vitali
il sangue inverte il suo corso
e per collaterali percorsi
raggiunge il sistemico flusso.
Non più deaminato,
con il carico ammoniacale
non depurato,
obnubila il neurone
tanto da farti apparir
dapprima come un deficiente
ma poi diventi un incosciente
e di grado in grado,
passando per quattro stadi,
dalla confusione mentale
al torpore al sopore
arrivi a un respiro nauseabondo
ma sei in coma profondo.
Questa buia encefalopatia
nasce da uno screzio
tra valina e tiroxina
con un eccesso di glutamina,
sempre in tema di proteine...
e con l'albumina che scende,
l'ammonio che sale
e la bile che aumenta,
trasuda liquido ascitico
indi c'è il rischio emorragico
con il quadro encefalopatico
e il giallo itterico
a completare il panorama tipico
di una malattia indecente
che ti deturpa il fisico
e ti debilita la mente.
Questo strano percorso
mi è venuto in versi
perché lo conosco a menadito
dopo esser rinsavito
dalla follie epatiche
grazie alle ispirate fantasie
di una Musa epatologa.
 
Adesso venendo ai tempi nostri la NAFLD (steatosi epatica non alcolica) e la NASH (steatoepatite non alcolica) chiamano in causa la sindrome metabolica, l'obesità, il diabete mellito e l'insulino resistenza e, come mio solito, consigli e terapia io li metto in versi.
 
La sindrome metabolica
 
Con la golosità e tanta sedentarietà
per troppa comodità sei nell'obesità.
Le tue cellule, non sopportando più
l'eccessivo lavoro per gli alimenti,
si danno alla protesta.
Inizia così l'insulino resistenza
e la conseguenza del grasso addominale
ti porta all'evidenza
ma solo per la panza.
Tra grassi e zuccheri prendi peso,
ti aumenta la pression
e senza più stile di vita
ormai ti lasci andar
specie se continui a fumar.
Non bastassero tanti stress
si mette pure l'ossidativo
con l'asfissia dei suoi radicali liberi,
veri killer cellulari che,
catturando l'ossido nitrico,
strenuo paladino endoteliale
e precursor della pillola celestiale,
ti determinano danno vascolare
a livello cardiaco e cerebrale
per non parlar di pena in pene...
del solito attributo!
 
L'arteriosclerosi
 
E' sotto la coperta endoteliale
del letto vascolare che riposa
la nostra vetustà
in veste di ateromasia,
segnale di circolo precario,
a meno che le mirabolanti statine,
azzerando il rischio del colesterolo
e riducendo l'ispessimento
per deposito tra le lenzuola intimali,
non ci diano l'immortalità
per le vie dell'anima che,
velocizzate dalla mitica aspirina,
sconfinano nella verità.
 
Passando dalla medicina (e poesia) alla filosofia (lo faceva un certo Aristotele) siamo allo spirito naturale di Galeno che si confezionava nel fegato, in virtù della cellula epatica, vero laboratorio della vita. A livello dei sinusoidi (spazio di Disse), infatti, il sangue (e il suo calore o energia spirituale) arriva a diretto contatto con le cellule epatiche per confezionare la strabiliante miscela umana di spirito e materia.
Il fegato, pertanto, diventa la sede dove un dì si unirono in matrimonio con vincolo indissolubile l'azoto con il suo corredo amminico (-NH2) e il carbonio con il suo corredo carbossilico (-COOH) per generare gli aminoacidi, la cui magica sequenza (dai codoni, triplette di nucleotidi) ci dona il codice genetico con la giusta informazione (DNA) per la trascrizione (RNA) della vita.
 
L'evoluzione della specie umana, a parte quella antropologica di Darwin, è certamente una evoluzione cellulare che, partendo dalla cellula epatica (età della pietra, homo homini lupus) attraverso quella nervosa (homo sapiens con l'egoismo della ragione), arriva a quella spirituale (uomo cosciente con l'altruismo dell'intelletto). Ed ecco la scala cellulare:
 
1- cellula epatica (spirito naturale), confeziona i gradini (le basi azotate) della scala (DNA)
2- cellula nervosa (spirito vitale) secerne il pensiero (mente, materia raffinata)
3- cellula spirituale (spirito immortale), distilla l'amore (anima, mente illuminata)
 
Lungo questa scala mia madre con il buio della sua encefalopatia e relativi stadi (1-confusione mentale, 2-torpore/sonnolenza, 3-sopore/sonno, 4-coma profondo) mi impegnò la vita sin dall'adolescenza e, in virtù di tanto, la catarsi del dolore me l'ha sublimata, regalandomi la conoscenza con il suo gradiente di luminosità (dal mito della caverna di Platone) lungo questi 5 gradi:
 
1° grado - il grigiore del cogito (pensiero vigile)
2° grado - lo splendore della ragione (pensiero razionale)
3° grado - il bagliore dell'intelletto (pensiero sciente)
4° grado - il fulgore della sapienza (pensiero illuminato)
5° grado - il candore della contemplazione (pensiero estatico)
 
Ritornando alla scala cellulare e partendo dall'alto ho regalato a mio padre, uomo con la 5a elementare ma con la cultura della fede, la cirrosi psicosomatica, avallata anche da un vecchio detto napoletano: 'o tuosseche arruvin' 'o fegat.
E così dalle amarezze (e nefandezze) della vita si arriva al fegato lungo questa scala psicosomatica:
 
1- psicosi (cellula spirituale, anima)
2- nevrosi (cellula nervosa, mente)
3- cirrosi (cellula epatica, fegato)
 
Questa patologia è di raro riscontro perché ancora non si concepisce l'anima e, pertanto, vengono privilegiate le persone dure di cuore che, come le pietre, hanno un'aspettativa di vita terrena migliore, a differenza di quelle sensibili che si contraddistinguono, invece, per questi 5 nobili attributi (scala psicosomatica dell'angelo Raffaele): 1- sensibilità (pietà), 2- disponibilità (carità), 3- bontà (pietà+carità), 4- intelletto (dono spirituale), 5- cristiana pazienza (abnegazione e predisposizione al dolore fisico e morale).
Questa scala, con i mediatori sentimentali (sulla via dell'amore) al posto di quelli chimici (o neurotramettitori sulla via del pensiero), l'ho potuta stilare dal comportamento esemplare di mio padre Angelo Raffaele.
 
Di questi tempi per migliorare l'umanità, dal punto di vista fisico (malattie e invecchiamento cellulare) e mentale (facoltà intellettive e capacità cognitive), si parla tanto di potenziamento umano (human enhancement), che deve essere soprattutto morale (da cui dipende quello comportamentale e culturale) in virtù dell'acquisizione dell'anima nella sua illuminata veste di triplice coscienza: vigile (pensiero), consapevole (amore) e morale (coscienza) a immagine e somiglianza divina dall'”alito vitale”, cellula primordiale o spirituale (pensiero, amore e coscienza) che presidia e presiede quella nervosa.
 
In tema di anima non si può prescindere dalla mitica biga alata di Platone che, ai nostri giorni, diventa una fiammante monoposto (pilotata dalla mente, alimentata dall'amore e illuminata dalla coscienza) per superare il contorto circuito della vita: chi lo supera veloce e a pieni giri si guadagna la protezione del mantello divino con l'alloro di pilota dell'anima e, con un pizzico di umana vanagloria, la corona d'alloro di poeta delle follie della vita.
 
In conclusione tornando al tema puramente scientifico, oggi un buon epatologo non può definirsi tale se non è anche un bravo ecografista, che riesce ad esplorare il fegato in ogni suo meandro. Da parte mia per sopperire a questa grave mancanza, con la presunzione scientifico-filosofico-letteraria che mi ritrovo, ho fatto “l'ecografia dell'anima”, naturalmente in versi:
 
Con lo spirito nasce il pensiero
con la coscienza sboccia l'amore
e con l'anima spunta quel fiore
che ti regala la vita nei suoi colori
e te la profuma dei suoi valori.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail