L’Italia dei fiorentini da Dante con il Dolce Stilnovo a Renzi con la sua lagna

Tra fiorentini (altro che padani) e l'Italia (altro che Padania di Salvini) c'è un feeling particolare se Dante ci ha regalato la lingua (e la cultura universale) mentre Renzi (e la sua linguaccia) la politica degli ultimatum con sua lagna quotidiana, pubblicizzandosi pure in tutti i programmi televisivi al pari di Vespa e del suo Mussolini.
 
Inoltre se Dante ci ha regalato la dolcezza di Beatrice...
 
Mostrasi sì piacente a chi la mia,
che dà per gli occhi una dolcezza al core,
che 'ntender no la può chi no la prova...
 
Renzi ci ha già deliziato con la bellezza delle sue donne e ministre...
 
la Boschi te la gusti,
la Moretti... te la bevi
e la Bindi te la scordi.
 
Adesso però è la volta di Bellanova: per lei il governo Conte è finito, mentre per Renzi finisce sempre... a chiacchiere! Ormai è diventato il politico degli ultimatum e, tra virus cinese e politico fiorentino, bisogna vedere solo chi sarà più letale!
 
Sempre in tema di donne (e di bellezza... con quella faccia così stirata senza la minima piega!) il ricorso a Silvio è doveroso, anche perché rappresenta l'unico superstite dell'amante latino, il latin lover per antonomasia...
 
Cantami, o Musa,
le gesta di Silvio...
si narra che fosse così bello
e seducente da far innamorare
chiunque incrociasse...
 
Ritornando al Matteo fiorentino (ci basta ed avanza quello padano!), con chiacchiere e minacce (Porta a porta) ha imboccato la via del tramonto. Ma questi leader quando sragionano nessuno osa riprenderli?
 
Renzi, ormai, è affetto da mania di protagonismo e non si rende conto che è giunto al capolinea: da rottamatore (del PD) con il 40% alle Europee è passato, infatti, a rottamato e non vale più del 2% con “addio sogni di gloria”!
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail