Che nostalgia Obama!

Come è lontano il nobel Obama (da ricandidare in nome della pace!) se gli Usa (e l'inopportuna Pelosi), in nome della democrazia, mettono il mondo a rischio nucleare!
---
VERSI PER IL PRESIDENTE OBAMA (La novella arca di Noè, 2012)
---
Con i figli che convivono e i gay che si sposano, ignaro mi domando...ma i figli chi li farà!
Occorre ristabilire l'ordine naturale delle cose (est modus in rebus!) per evitare il caos, a parte il casino! La regola (modus) dell'”homo sapiens” è la coscienza su cui va uniformata l'umanità a partire da 1/famiglia, 2/scuola, 3/religione, 4/politica e 5/mass media, fattori interdipendenti e confluenti per un mondo migliore!
La massima oraziana, aggiornata ai tempi moderni, recita: “Est modus in rebus e c'è un limite alla divina pazienza”. La logica, se ci rimane, ci suggerisce che i figli dovrebbero sposarsi e i gay convivere “in unione sentimentale” con diritti paritari da coppie di fatto.
---
Caro Presidente,
per problemi di coscienza
scrivo di morale
e sul matrimonio anch'io
oso dir la mia.
E' proprio in virtù
dell'intesa coniugale
che ti ritrovi presidente
con una bella famiglia,
mentre io, per abbandono
del letto nuziale,
vivo solo di ricordi familiari.
---
Il matrimonio è il sigillo
della vera famiglia che
da tempo retrocede sulla griglia
quando dovrebbe esser
la perfetta pariglia
per un avvenire migliore.
A tanto mai si arriverà
con l'odierna politica,
solo squallido imbroglio
e se un tempo ci fu Badoglio
oggi, invece, abbiam
Belpietro a dritta che parla,
Di Pietro a manca che urla,
al centro soliti casini
con fini presidenti,
uno vittima della suocera
e l'altro che gioca con il bunga
e ci riporta ai bingo bongo.
---
Da questa povera Italia
con il tacco che affonda,
emerge, poi, a valle dai monti,
proprio dalle acque piovane,
non il Presidente Monti,
salvator della patria,
ma il vecchio Senatur,
che inneggia alla grana
purché sia padana,
detesta il torrone
con tutti i terroni
e considera invasori
chi entra in padania.
---
Ma se l'Italia piange
con questi politici
di così basso livello,
morale e culturale,
voi là in America,
non certo ridete,
con i vostri potenti
ancora a comandare
e gli indigenti da buttare.
In questo triste scenario,
se viene a mancare
anche il matrimonio,
presidio della civiltà,
finanche consacrato
dalle nozze di Gana,
siam sempre più lungi
dalla pura verità.
---
Caro Presidente,
la prima incombenza
di tutti i politici
sarebbe quella di darci
un mondo migliore
ma senza coscienza
non si arriverà mai
a un comportamento ottimale
per educare i giovani
e migliorare la materia cerebrale...
lo diceva Paul MacLean,
un vostro grande scienziato.
---
Agli omosessuali, pertanto,
senza alcun pregiudizio,
spettano diritti paritari
e va pure riconosciuta
l'unione sentimentale,
non certo matrimoniale,
sacra istituzione
con cui si celebra
il miracolo della vita
dall'indissolubile unione
di due cellule naturali
tra lor tanto diverse,
nate nell'intimità
dell'intesa coniugale,
al profumo del talamo...nuziale,
propaggine corticale
tra l'olfatto del cervello antico
e la moderna vision del bello
che tanto ci attrae
e ci fa accoppiare
in maniera non bestiale.
---
E' in questo contesto
che l'amor cosciente
d'incanto fa sbocciare
gemme variopinte,
profumati germogli,
nostri dolci frutti
in tutte le stagioni
sotto il Sole universale,
a noi ancor invisibile
per un difetto maculare.
E nell'evoluzione della specie
abbiamo ancor da acquisire,
a livello corticale,
la cellula spirituale
che ci farà pervenire
dallo spirito in fioca luce
alla nostra anima
con la sua splendida luce.
---
E' questa la vera traccia
per un mondo migliore
con i ricchi a presidio dei poveri,
anche se ancora viviamo
lo squallore di tempi bui,
altro che modernità,
con i giovani che convivono
e i gay che si sposano
per cui, ignaro, mi domando...
ma i figli chi li farà!
A Napoli un dì si cantava
i figli so' piezze e core”
e, in virtù di tanto,
Presidente Obama,
proprio per un mondo migliore
dall'Italia unita,
da Dante a Manzoni,
da Mazzini a Garibaldi
e da tutti i Grandi,
manca solo il Senatur,
ti giungano graditi
gli auguri di certa rielezione.
Te lo dico con il cuore
e, da referente delle anime celesti,
ti confido pure, caro Presidente,
che anche santi e madonne
faranno tutti un gran tifo per Te.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Satira politica

Con la siccità e il fuoco che incombe, Conte mette la miccia, Salvini l'accende, il governo scoppia e, con l'Europa che brucia, la Meloni è già pronta a spegnere tutto!
Di governo in governo: per Berlusconi ci volle Monti e Fornero, Renzi si fece l'aereo, a Conte si è preferito Draghi, con Meloni e Salvini ci vorrà la preghiera!
Comunque per l'emergenza politica e relative elezioni, tra clima, virus e guerra, avremo pure un'estate di sfide (a destra e a sinistra per la premiership) e un autunno di trattative (se non vince la destra) per gli innumerevoli partitini.
Intanto Berlusconi, rientrato in politica, già dà i numeri (pensioni, alberi) mentre Salvini pensa a stracciar le cartelle... tanto ci sarà poi Monti e la Fornero a far quadrare i conti!
In riferimento poi alla cattiveria sull'altezza di Brunetta, anch'io sono tormentato dalla bassa statura (ho il fisico ma non il piede di Maradona!), una lucida considerazione: in una bassa statura ci può stare pure un gigante, nella Fascina... solo rami secchi da bruciare!
Elettori si parte, ecco la griglia di partenza con la destra in pole position: il volante alla Meloni (Ue), il navigatore a Salvini (profughi) e il freno a Berlusconi (centro).
---
Lo spot per votare (e finanche per volare!)
---
Il futuro d'Italia
è l'insieme di Di Maio
con impegno civico
ma solo l'azione di Calenda
ci porterà ad un'Italia viva
con tutti liberi ed uguali,
nostra grande speranza
specie in tema virale.
Intanto il travaglio di Conte,
a parte il Marco sonante
e il grillo parlante,
è che proprio tutti
voglion dir la loro
a partir dagli elettori
parimenti agli eletti.
La vera forza d'Italia
resta invece sempre
il presidente Berlusconi
che, sorretto dalla lega
e dai sostenitori padani,
ci farà infin declamare
l'inno di fratelli d'Italia
con la dolce Meloni
a salvarci dalle acque...
non ha l'arca di Noè
ma la nuova legge di Mosè!
---
L'imbattibile trio del nostro stivale
---
Sull'italica sponda
a destra campeggia
la bellicosa Meloni
e l'intransigente Giorgia
se sol apre bocca
ti fa davvero tremar,
c'è poi il leghista Salvini
che, santo padano,
da nume marino
è il protettor delle coste
e le barche dei migranti
non le fa mai avvicinar.
Infin al centro risplende
l'immortale Silvio,
latin lover latino
sempre a caccia di donne,
ma è il più bello dei Silvi,
discendenti di Venere,
e con tanto danaro
se le può finanche comprar.
Bando allo scherzo
siam davvero in buone mani
e per un'Italia migliore
li deve solo votar.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Le ali della fantasia

D'un lampo venisti
e d'incanto mi rianimasti,
ma adesso, cara Ispirazione,
di colpo te ne sei andata
lasciandomi quaggiù mesto
senza più l'estro di volare
sulle ali della tua fantasia.
E' pur vero che anche tu,
per la natura gemente,
ormai sei alla deriva
e raminga per l'universo
non più soccorri in versi
ma di contro riversi l'oblio
e così sulla madre terra,
in ingravescente degrado
per torpore mentale 
o meglio sopore morale 
per lo scempio ambientale,
non più si concepisce poesia.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

L’imbattibile trio del nostro stivale

Per l'emergenza politica e relative elezioni, tra clima, virus e guerra, avremo pure un'estate di sfide (anche nel centro destra per la leadership) e un autunno di trattative (se non vince la destra) per gli innumerevoli partitini.
Intanto Berlusconi, rientrato in politica, già dà i numeri (pensioni, alberi) e se un tempo ci volle Monti e la Fornero, adesso meglio un geriatra o meglio ancora uno psichiatra!
In riferimento poi alla cattiveria sull'altezza di Brunetta, anch'io sono tormentato dalla bassa statura (ho il fisico ma non il piede di Maradona!), una lucida considerazione: in una bassa statura ci può stare anche un gigante, nella Fascina... solo rami secchi da bruciare!
---
Sull'italica sponda
a destra campeggia
la bellicosa Meloni
e l'intransigente Giorgia
se sol apre bocca
ti fa davvero tremar,
c'è poi il leghista Salvini
che, santo padano,
da nume marino
è il protettor delle coste
e le barche dei migranti
non le fa mai avvicinar.
Infin al centro risplende
l'immortale Silvio,
latin lover latino
sempre a caccia di donne,
ma è il più bello dei Silvi,
discendenti di Venere,
e con tanto danaro
se le può finanche comprar.
Bando allo scherzo
siam davvero in buone mani
e per un'Italia migliore
li deve solo votar.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lo spot per votare (e finanche volare!)

Dopo siccità (acqua), virus (quarta dose) e guerra (armi), in vacanza estiva tra rincari (alimenti) e bollette (benzina, luce e gas) ecco puntuale pure la crisi di governo tra solite inutili chiacchiere.
---
Allora, tra ultimatum e veti, che voto sia con la Meloni che può far tacere tutti, leaders europei a parte! E, con il navigatore a Salvini e la guida alla Meloni, solo Berlusconi, se sopravvive alle donne, potrà frenare.

Pertanto Conte mette la miccia, Salvini l'accende, il governo scoppia e l'Europa brucia ma la Meloni è già pronta a spegnere tutto!

Intanto aspettando la caduta (o la malattia) di Putin, Jonhson e Draghi si son già dimessi,  Macron trema, Scholz non brilla e Biden non connette, mentre con i colori delle sanzioni alla Russia siamo al verde con il grano, a rosso con la benzina e a nero con la borsa!
Di governo in governo: per Berlusconi ci volle Monti e Fornero, Renzi si fece l'aereo, a Conte si è preferito Draghi, con Meloni e Salvini ci vorrà la preghiera!
---
Il futuro d'Italia
è l'insieme di Di Maio
ma solo l'azione di Calenda
ci porterà ad un'Italia viva
con tutti liberi ed uguali,
nostra grande speranza
specie in tema virale.
Intanto il travaglio di Conte,
a parte il Marco sonante
e il grillo parlante,
è che proprio tutti
voglion dir la loro
a partir dagli elettori
parimenti agli eletti.
La vera forza d'Italia
resta invece sempre
il presidente Berlusconi
che, sorretto dalla lega
e dai sostenitori padani,
ci farà infin declamare
l'inno di fratelli d'Italia
con la dolce Meloni
a salvarci dalle acque...
non ha l'arca di Noè
ma la nuova legge di Mosè!
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail