La povera madre terra

Tra siccità e calamità (natura gemente), calura e arsura (temperatura caliente) anche la natura si ribella al torpore e sopore (coma) dell'umanità incosciente! Se a questa catastrofe ambientale si aggiunge pure l'invasione virale e finanche l'emergenza bellica, allora è giunto il tempo dell'"educazione morale", che con le sue 3 discipline basilari - scienza (chi sono, polvere), filosofia (da dove vengo, da un atto d'amore) e religione (dove vado, con fede verso la luce) - ci illumina sul significato vero della vita.
---
Ed allora se le trivellazioni per il petrolio fanno tremare la terra e le combustioni dei fossili inquinano l'aria, scellerata deforestazione a parte, la fonte dei nostri mali è proprio il carbonio, da depurare insieme all'azoto per ingentilire gli animi ed illuminare le menti alla agognata conquista della vita spirituale, in virtù dell'anima e delle sue inossidabili componenti (pensiero, amore e coscienza) – aree associative corticali (ultrapallio/era spirituale).
---
LA POVER MADRE TERRA
---
La vita della terra
non certo è serena
se da sempre si dimena
tra sussulti ed eruzioni
da parte mettendo
le sue trivellazioni.
L'atmosfera circostante
non le è da meno
se con piogge e venti
inizia la sua battaglia,
che per l'effetto serra
diventa poi una guerra e,
tra tempeste ed uragani,
dall'intimità della casa
ti fa volare lontano.
---
Con il ritorno al sereno
la natura si riprende
al tepore del sole,
ma per il buco dell'ozono
la temperatura caliente
infiamma la palla.
I ghiacciai si sciolgono
ed il mare in piena
va alla deriva
per invader le rive
e risalire i fiumi
con il letto in secca.
---
Da millenni il globo
è nelle nostre mani,
ma se salvaguardiamo
solo l'amato dio danaro
senza proteggere la nostra
povera madre terra,
tra siccità e desertificazioni
dopo diluvi e glaciazioni,
la fine del mondo diventa
segnata e da tutti firmata!
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lo sport, il messaggero della pace

LO SPORT
---
Lo sport, il corriere
della pace e della fratellanza,
in corriera e di gran carriera
fa viaggiare i sogni.
---
---
LA NOVELLA NATO
---
Nonostante la minaccia
della catastrofe ambientale
e dell'invasione virale
con il rischio della terra
in uno scenario spettrale,
siam tornati alle guerre
ed ai confini territoriali,
quando la “novella Nato”
dovrebbe assurgere
ad un'alleanza culturale,
altro che politico-militare,
per promuovere valori etici
e non scontri bellici.
Solo così si consolida
la fratellanza tra i popoli
in virtù della luce dell'anima,
comune denominatore spirituale,
che si avvale non di variabili
ma di inossidabili componenti:
pensiero, amore e coscienza,
lo stampo del marchio divino
dal soffio vitale di figli di Dio.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La cultura dell’amore (umana semenza, Dante) e non la guerra per il terrore!

Nonostante le strabilianti conquiste scientifiche (finanche l'intelligenza artificiale) e spaziali, fermo restante l'incalzante rischio ambientale e virale, il mondo, divelti pure gli argini naturali (utero in affitto), rischia seriamente di saltare in aria sotto la minaccia del nucleare (Putin, Kim Jong-un).
Intanto proprio le superpotenze viaggiano sempre più a ritroso se gli Usa ricorrono alle armi per la difesa (età della pietra!), mentre Putin, a caccia di territori, rappresenta l'“homo homini lupus” dell'era moderna con la Cina che tace.
Quello che manca a Usa, Russia e Cina, di certo non è l'armamentario bellico ma la cultura filosofica della vita, quella verità che l'uomo deve ricercare in se stesso (gnothi sautòn) per comprendere le vere finalità della vita.
E con l'uomo e la filosofia in campo, identità (e parità) di genere a parte in virtù dell'anima (comune denominatore umano), entrano in scena le donne, le vere protagoniste della vita (primaria veste di mamme), dall'alto della loro armoniosa bellezza, folgorante avvenenza e mitica dolcezza, il bello al femminile (musa) ad ispirare la poesia.
---
Ritornando in ambito filosofico, è tempo di modernizzare la ragione (mente, materia raffinata) e la realtà di Hegel (tutto ciò che è reale e razionale e viceversa) con la luce dell'intelletto (grado cognitivo superiore sulla scala della conoscenza), presidio dell'anima (mente illuminata) che, a ragion veduta, ci fa declamare questo nuovo aforisma: dove c'è amore c'è vita e dove c'è vita c'è amore!
---
E' fuor di dubbio, infatti, che la vita è un duplice atto di amore, creativo e generativo con partenza, in ambito scientifico, dal legame indissolubile del carbonio con l'azoto a generare, a livello della fucina epatica, quello spirito naturale, che diventa poi coscienza morale (luce della verità) in virtù del soffio vitale creativo, nostro cordone spirituale di figli di Dio.
E dalla scienza alla religione ecco pure la filosofia con il suo aforisma (amo e sempre sarò) a completare le 3 discipline formative (educazione morale) della vita per comprendere il suo vero significato, come tempo addietro ci suggeriva il nostro Gran Maestro:
---
Considerate la vostra semenza:
fatti non foste a viver come bruti,
ma per seguir virtute e canoscenza.
---
Tornando alle nostre origini scientifiche, dai corredi chimici (carbossilico/COOH ed amminico/NH2) dei nostri principali costituenti materiali (C/carbonio/terra e N/azoto/aria) nascono gli amminoacidi, da cui per transaminazione (trasferimento di un gruppo -NH2 e formazione di glutammato) e decarbossilazione (perdita di un gruppo -COOH e formazione di neurotrasmettitori) si perviene all'ideazione in virtù del pensiero, nostro spirito vitale.
La deaminazione (perdita di un gruppo amminico/NH2), invece, ci regalerà l'illuminazione con la catarsi del pensiero a distillare amore, spirito immortale.
Sempre la deaminazione, infine, delle basi azotate (a-denina/A-more, c-itosina/C-oscienza, g-uanina/G-enoma, u-racile/U-niversale) ci praticherà la rianimazione bocca a bocca (rinascita spirituale) dalla materia con l'acquisizione dell'anima e delle sue inossidabili componenti - pensiero (spirito vitale), amore (spirito immortale) e coscienza (spirito naturale) – sulla via del genoma (aminoacidi, geni, cromosomi) eccelso (coscienza dell'amore e non l'incoscienza della guerra!), la cui luce disappannerà la macula del peccato originale per una visione a 360° del mondo che ci gira intorno (Universo del Sole).
---
Restando in tema di aminoacidi, ingegnosi composti chimici (generati dallo spirito naturale), dalla loro magica sequenza sulla scala elicoidale (dai codoni, triplette di nucleotidi) ci perviene pure il codice genetico (a breve deaminato grazie alla cultura!) con la giusta informazione (DNA) per la trascrizione (RNA) della vita nella sua vera essenza (pensiero, amore e coscienza, indelebili componenti spirituali) per vivere in eterno (amo e sempre sarò) alla luce del Sole Universale (era spirituale, ultrapallio).
---
Concludendo sulle vere finalità della nostra vita, l'evoluzione della specie umana, a parte quella antropologica di Darwin, è certamente una evoluzione cellulare che, dalla cellula epatica (età della pietra, homo homini lupus) a quella nervosa (homo sapiens con l'egoismo della ragione), perviene alla strabiliante cellula spirituale (uomo cosciente con l'altruismo dell'intelletto), addirittura, dalla materia grigia:
---
1- cellula epatica (spirito naturale), confeziona i gradini (le basi azotate) della scala (DNA)
2- cellula nervosa (spirito vitale) secerne il pensiero (mente, materia raffinata)
3- cellula spirituale (spirito immortale), distilla l'amore (anima, mente illuminata)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

L’uomo e la donna

In tempi di crisi coniugale e… femminicidio!
---
-La donna, da sempre, il movente della vita e l'uomo, sempre più, il barbaro assassino!
---
-La precarietà dell'uomo verso la donna: se perde la testa s'innamora, se perde la ragione si trasforma in una bestia!
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La dolce compagnia

Musa ispiratrice,
se per te il tempo non passa
in me infuria la tempesta degli anni
che ha divelto la ragione di esistere...
quell'amor che da sempre si canta.
Il pensier non più s'accende,
il corpo freme, la mano trema
e la penna muta frena
tra le righe di un foglio bianco.
Senza la vivida imago
della tua dolce compagnia
neanche più il cor
ti declama a poesia
e l'anima non più sospira
ma solo respira
per la sua vuota essenza
ed, ahimè, magra presenza.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail