L’universo della luce

Aldilà degli anni
e fuori del tempo
sopravviverà la nostra
matrice spirituale
con amore e coscienza
genoma universale.
 
Diventeremo d'incanto
il cuore della vita
sotto l'illuminante presidio
della Luce creativa
che presiede l'universo
dalle origini del mondo.
 
E' stato inver duro
convivere con la materia
ma di nascita in rinascita
di travaglio in croce
il pianto del dolore
sublimerà il bene
e sarà estasi d'amore.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Buon genetliaco, Cristina

L'UNIVERSO DELLA LUCE
 
Aldilà degli anni
e fuori del tempo
sopravviverà la nostra
matrice spirituale
con amore e coscienza
genoma universale.
 
Diventeremo d'incanto
il cuore della vita
sotto l'illuminante presidio
della Luce creativa
che presiede l'universo
dalle origini del mondo.
 
E' stato inver duro
convivere con la materia
ma di nascita in rinascita
di travaglio in croce
il pianto del dolore
sublimerà il bene
e sarà estasi d'amore.
   
IL VALORE DI ESISTERE
 
Mi si inceppa la lingua
alla ricerca della parola
per definire la vita
nel senso giusto.
 
Soccombe la mente
al lume della ragione
ma si riprende l'anima
alla luce dell'amore.
 
Vola la coscienza
nel suo bianco candore
per illuminare l'esistenza
nel suo vero valore.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Un pokerista perdente

Un pokerista perdente: di cuori (amore) in quadri (sorriso) in fiori (profumo)... inebriante tris di donne! Il poker lo rifiuti scartando la picche nera... c-ome q-uando f-uori p-iove!
 
LA REGINA DELL'ANIMA
 
Di fiore in fiore la farfalla si posa,
di cuore in cuore aleggia la donna,
di fiore in cuore sboccia l'amore,
di cuore in fiore vi è profumo di donna.
Di cuori in fiori in quadri
realizzi un tris di donne,
il poker lo rifiuti scartando la picche.
Ne scegli una, ti innamori,
la rincorri e la impalmi.
Che emozionanti giochi
e che folli notti insonni,
carte e donne, seppur spesso perdenti,
con la mente in fumo
e a rischio di infarto il cuor
per troppo fumo.
Cara regina,
di cuori, di fiori e di quadri,
che la vita ti arrida, ti sorrida e ti inebri,
ti invada, ti impregni e ti pervada,
ti inondi e ti sprofondi,
per carità non ti affondi
a rischio, ahimè, di affogare ed annegare,
ma ti sommerga di gioie infinite.
Solo così per sempre indosserai il sorriso
(che dolce visione!)
che tanto ti dona
e ti calza così bene sul viso.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail